I fucili di Bossi, gli slogan su Nassyria, le giustificazioni (offensive) di Silvio.

fucile.small.jpg

Bossi minaccia di invitare i suoi ad imbracciare il fucile.

Meno male che doveva essere una campagna elettorale all’insegna dei toni morbidi!!

Probabilmente il senatur si è stufato di stare in riga ed ha fatto quello che gli riesce meglio: spararne una grossa per richiamare l’attenzione.

Il giochino di sempre, quello che sa fare meglio.

Quelli che fanno ridere sono i suoi colleghi di partito, come Maroni, che hanno provato a sostenere che siamo in presenza di metafore.

E’ un discorso che non regge: le parole sono pietre a volte.

Provate a chiedere a quei signori se sarebbero disposti ad accettare la definizione di innocue metafore per gli slogan antimilitaristi più truculenti ?

Ovviamente no.

Eppure sentire un parlamentare che durante una campagna elettorale invita ad imbraccaire le armi è altrettanto inquietante che sentire urlare “Una, Cento, Mille Nassyria”.

Insultante per Bossi, poi, il modo con il quale tenta di difenderlo Berlusconi: “Sapete quali problemi ha avuto” . Nemmeno gli avversari politici, sentendo Bossi sproloquiare, se l’erano sentita di fare un collegamento tra le  sparate del Senatur e il suo stato di salute. Le parole sono pietre, a volte…

2 risposte a “I fucili di Bossi, gli slogan su Nassyria, le giustificazioni (offensive) di Silvio.

  1. Pingback: diggita.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...