Razzismo ? Attenzione, ognuno di noi è il rom di qualcun altro..

Razzismo è valutare una persona non in base alle sue caratteristiche e comportamenti personali, ma per l’appartenenza ad un gruppo etnico.

Generalmente su questo gruppo etnico circolano degli stereotipi che per comodità o, appunto, per razzismo, ci piace automaticamente attribuire ad ogni persona di quel gruppo etnico.

ebreo.jpg

Sei ebreo? Niente di più facile che tu sia avido.

arabo.jpg

Mussulmano? Difficile che l’11 settembre susciti in te lo stesso orrore che suscita in me, probabile anzi che tu quel giorno, sotto sotto, abbia goduto.

rom01.thumbnail.jpg

Sei rom? Ti avranno sicuramente abituato a rubare fin da piccolo….e non solo portafogli, confessa che di tanto in tanto ti piacerebbe rubare qualche bambino.

Fin qui il gioco è facile.

Ma continuiamo…

Sei napoletano? In fondo la monnezza per le strade è anche colpa tua, sennò non si spiega perchè c’è solo da voi..

coppola.thumbnail.gif

Siciliano? Calabrese? Campano? Pugliese? Omertoso .anche se sei uno che si fa solo gli affari suoi, confessalo che dovendo scegliere tra lo Stato e quelli là, messo alle strette, sceglierai sempre quelli là.

Sei romano? Ma allora sei uno di quei pressapochisti che arrivano con tre quarti d’ora di ritardo ad ogni appuntamento!

borghezio.thumbnail.jpg

Voti Lega? Sei uno xenofobo.

Voti rifondazione? Faresti di tutto per tutelare i clandestini e quelli dei centri sociali che occupano le case e fanno gli espropri nei centri commerciali.

Voi, Voi, Voi, Voi ebrei, voi comunisti, voi negri, voi leghisti, voi mussulmani, voi zingari….sempre voi.

Certo, ragionare e definire le regole di comportamento delle persone partendo dall’apparteneza ad un gruppo etnico è comodo, facile, quasi riposante.

Soprattutto pratico.

Dispensa dal fare analisi più complete e più radicali, quelle alle quali avremmo diritto tutti in qualità di esseri umani singoli e diversificati.

Sono sicuro che la pensano così molti di quei meridionali, ormai in pensione da tempo, che cinquant’anni approdarono nelle grandi città del Nord in cerca di lavoro e che si amareggiavano leggendo i cartelli “Non si affitta ai terroni”.

Fossero vivi, la penserebbero così anche i loro antenati, quelli della generazione che cercava fortuna in America, quelli che venivano bloccati in massa per settimane ad Ellis island prima di ricevere il permesso di entrare in America, per essere sottoposti a severissimi test attraverso i quali,con approccio che è difficile non chiamare eugenetico, si cercava di capire chi era in grado di adattarsi al nuovo mondo e al suo nuovissimo modello di produzione fordistico ( consiglio a tutti di vedersi il bellissimo film di Crialese “Nuovomondo”,v. foto)

nuovo%20mondo.jpg

Insomma, a guardar bene, ognuno è ( o è stato) il rom di qualcun altro….

3 risposte a “Razzismo ? Attenzione, ognuno di noi è il rom di qualcun altro..

  1. ho in mente una frase della terra del Fuoco, a Ushuaia:
    “DONDE TODO QUEDA AL NORTE”
    recita, ovvero,
    dove tutto risulta più a Nord.

    E’ il punto più a Sud della terra e mentro calpestavo quelle terre mi dicevo:
    “ma tutti coloro che se la prendono con tutti coloro che stanno più a SUD,
    qua, con chi se la prenderebbero? con le otarie e la balena franca?”

  2. Io non sono la ROM di nessuno. Sapete perchè? perchè : 1)sto a casa mia, luogo in cui mi conoscono, pago le tasse, vivo in società, se commetto qualche reato non solo pago perchè è facile che mi acchiappino, ma so che è qualcosa che si ritorcerà contro di me perchè vivo in questa società ed il degrado della stessa danneggerà anche me e la mia famiglia. 2) mettiamo il caso che io sia costretta ad emigrare (è già successo, sono stata all’estero per un pò di tempo). Non sono il ROM di nessuno se mi integro nella nuova società in cui vivo, se rinuncio a qualche mia libertà che altrove so non verrà accettata, se non rubo, non spaccio, non molesto nessuno, non faccio la furbetta, non agisco con arroganza, non mi sento migliore degli altri.
    Io so che questi comportamenti faranno di me una “ROM” per cui mi comporto diversamente.

  3. Cara Anna, molti ebrei nel 1938 la pensavano come te. Molti di lora erano così integrati da aver aderito al fascismo e da averlo fatto anche molto per tempo, cioè non negli anni 30, ma addirittura nel 1919 o 1920.
    Eppure non si salvarono dalle leggi razziali.
    Quello che voglio dire è che deve esserci più severità nei confronti dei rom che delinquono ( come anche nei confronti dei manager disosnesti delle banche o delle grandi aziende: i primi ti allegeriscono del borsellino, gli altri di tutti i risparmi di una vita), ma che non deve essere toccato il pricipio di civiltà della parità di condizioni di fronte alla legge.
    Così, se è giusto trattare in un certo modo i rom che delinquono, cioè esatamente come gli altri italiani che delinquono ( e, ripeto, per non passare per buonista, molto più severamente di adesso) così bisogna evitare di prendere provvedimenti invasivi nei confronti dei rom che non delinquono, come di tutti i cittadini italiani che non delinquono.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...