La Litizzetto fa la parodia delle Poesie di Sandro Bondi ( che però fanno ridere già da sole: eccole)

Il tono lamentoso, lo sguardo emolliente, la faccia da Massimo Boldi, l’atteggiamento da vittima sacrificale fanno di Sandro Bondi, ministro della Cultura una delle icone più popolari della nostra politica.

Sindaco comunista di Favizzano (in Provincia di Massa e Carrara) nel 1990, viene folgorato dall’incontro con Berlusconi e dimostra a tutti quello che i maligni avevano intuito da un pezzo, cioè di essere un Ravanello: rosso fuori, ma bianco, bianchissimo dentro.

Ma la politica non gli basta.

E’ anche un grande poeta.

Non sarà Neruda e nemmeno Prevert, ma le sue poesi fanno piangere lo stesso.

Anche un po’ ridere, però.

Ministro, so che lei è un animo sensibile, ma la prego di non farsi troppo scoraggiare dall’ironia di questo post.

Non abbandoni il suo hobby.

Grazie di esistere.

Ecco alcune delle migliori poesie del Ravanello:

  1. A Michela Vittoria Brambilla
    (alias Crudelia Salmon)

    Ignara bellezza
    Rubata sensualità
    Fiore reclinato
    Peccato d’amore
  2. A Stefania Prestigiacomo

    Luna indifferente
    Materna sensualità
    Velo trasparente
    Severo abbandono
  3. Ad Anna Finocchiaro

    Nero sublime
    Lento abbandono
    Violento rosso
    Fugace ironia
    Bianco madreperla
    Intrepido mistero
  4. A Giuliano Ferrara

    Antro d’amore
    Rombo di luce
    Parole del sottosuolo
    Fiume di lava
    Ancora di salvezza
  5. A Walter Veltroni

    Tenero padre
    madre dei miei sogni
    Anima ulcerata.
    Figlio mio Ritrovato
  6. A Jovanotti

    Concerto
    vibrazioni dell’anima
    eco del divino
    dolore dell’essere
    onde dell'amore
  7. A Fabrizio Cicchitto
    Viviamo insieme
    questa irripetibile esperienza
    con passione politica
    autentica
    con animo casto
    e con la sorpresa
    dell’amicizia.
    Ci mancheremo
    quando verrà il tempo nuovo
    e ci rispecchieremo finalmente
    l’un nell’altro.
    E ci mancherà
    anche quello che non
    abbiamo vissuto assieme
    fra i banchi della scuola
    nell'adolescenza inquieta
    e nell'età in cui non si ama.
    La mia fede
    è la tenerezza dei tuoi sguardi.
    La tua fede
    è nelle parole che cerco.
  8. A Fausto Bertinotti,
    «comunista senza esserlo»

    Immagini della storia
    Orribile bellezza
    Gloria mortale
    Spenta pietà
    Disperata speranza

Ed ecco le tre più belle, dedicate alla “Sacra Famiglia“:

  1. A Veronica Lario in Berlusconi

    Bellezza del soccorso
    sensuale ironia
    vigore dell’amore
    intrepida solitudine
  2. A Rosa Bossi in Berlusconi

    Mani dello spirito
    Anima trasfusa.
    Abbraccio d’amore
    Madre di Dio
  3. A Silvio

    Vita assaporata
    Vita preceduta
    Vita inseguita
    Vita amata
    Vita vitale
    Vita ritrovata
    Vita splendente
    Vita disvelata
    Vita nova
Annunci

6 risposte a “La Litizzetto fa la parodia delle Poesie di Sandro Bondi ( che però fanno ridere già da sole: eccole)

  1. Ciao.
    Condividiamo la stessa passione. 😀 😉

  2. Più che altro, l’ultimo versetto di “A Rosa Bossi in Berlusconi” fa capottare dal ridere e inquieta al tempo stesso… 🙄

  3. …. Anche dopo il Medio Evo una persona di rango poteva spogliarsi di fronte ad altri con una certa noncuranza e, con altrettanta noncuranza, esercitare in pubblico le funzioni corporali …..

  4. Pictured: The hilarious (and utterly pointless) horses with hair-extensions
    By Mail Foreign Service
    Last updated at 11:51 AM on 08th April 2009
    Comments (8) Add to My Stories
    Sometimes things don’t have to have a point – they just have to make you smile.
    And these images of horses with hair extensions do just that.
    Jockeying for position to be best-in-show, it was up to award winning advertising photographer Julian Wolkenstein to keep the supermodels of the equine world in check.
    Enlarge As you do: Stylist Acacio da Silva and photographer Julian Wolkenstein made Harmony the horse look like a tourist in the Caribbean
    Julian hit on the idea of experimenting with horses’ hair during a chat with a fellow advertising pal.
    ‘The idea for these images came from a discussion with a friend who said, ‘Hey wouldn’t it be fun to shoot horses with big hair?’,’ says Sydney-born Julian, 36.
    ‘It is important to do personal projects just for fun, not to sell anything, but just to remind you why you make images, but mostly, and simply, to make you smile.’
    Acting on the discussion, Julian, who usually works to a specific client brief, decided to explore this personal project to its full potential, resulting in these striking and unforgettable images.
    Putting the project into motion, Julian teamed up with prominent hair-stylist Acacio da Silva to whip the horses into shape.
    Enlarge Just for fun: Misty the horse actually appears to be giving the camera a flirtatious grin as she enjoys her new flowing curls
    ‘Each horse took around four hours to groom, with hair extensions being added by Acacio, and then when they were presented in front of the camera’s and lights they would shake their heads, give a neigh and then ruffle up their hair,’ said Julian – with a somewhat forced grin.

    ‘To get them just right, with their hair all set and standing to attention was a bit of a battle.

    ‘But the horses loved the grooming. The lights and camera, well, they were less taken with that.’
    At first, Julian thought the shoot would be a quick affair.

    ‘We initially thought how hard can this be? A couple of hours on each one,’ he said.
    Enlarge Only in Australia: Florence the horse looks demure with her fringe and ginger mane
    ‘Well, we figured out pretty quickly on a test day that it was a major undertaking.
    ‘Apart from casting horses and preparation work which took a few months, each horse took a full day to shoot.’
    Even for a seasoned pro, such as Julian, there were hitches to his horse hair project.
    ‘I tend to be drawn to projects where just in trying to describe and trying to explain the concept to all the crew and the people who supplied the horses was fascinating ,’ says Julian.

    ‘Most of the time you could see the cogwheels of the mind trying to work it out, trying to visualise it in their own minds, then, a bit of a smile, a chuckle and then the inevitable question – why?’
    Of course, sometimes – as these pictures show – it’s better to live life by asking, why not?

  5. Ricoverati !

  6. birichino hai messo la foto di veronica con le tette al vento ..sei peggio di feltri !!
    non conoscevo tutta la poetica di bondi
    la cosa più risibile sono i soggetti ai quali rivolge i suoi versi , bondi trae ispirazione dalla brambilla da ferrara dalla madre del ….dio…
    è incredibile e patetico ..ha preso una cotta tremenda per berlusconi!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...