Vigilanza Rai :pizzini, purghe staliniane, sogni di gloria infranti. Sarebbe il Parlamento, ma siamo alla farsa.

antonello_piroso_300x200

Il ritaglio di giornale scambiato tra Nicola Latorre (Pd) e Italo Bocchino (An) venerdì mattina in diretta tv, durante un dibattito con Massimo Donadi dell’Idv, frammento di carta che da giorni anima sospetti e chiacchiericci, è stato “recuperato” dai giornalisti della redazione di “Omnibus” a La7 e letto in tv dal direttore, Antonello Piroso.

«Io non lo posso dire. Ma la Corte Costituzionale? E Pecorella?»: questo era scritto.

Dopo le immagini mandate a ripetizione da “Striscia la notizia”, in cui si vedeva il passaggio del biglietto tra i due politici, durante un’animata discussione sul caso della Commissione di vigilanza Rai, ora la polemica si rinfocola.

Il primo a reagire è Donadi, che ai microfoni di Red dichiara: « Che un rappresentante dell’opposizione, mio alleato, suggerisca ad un autorevole esponente della maggioranza come attaccarmi durante un dibattito televisivo, è una rappresentazione visiva della politica del compromesso che mira solo all’esercizio del potere».

Nel frattempo Latorre si dimette dalla Commissione ufficialmente per fare posto a Zavoli, ma alcuni commentatori già parlano di purga staliniana.

Non si dimette ancora, invece il democristiano piccolo piccolo Riccardo Villari, rimasto isolato, ma ancora non rassegnato a uscire dalla comune.

Insomma : pizzini, prove tecniche di inciucio, scoop di Striscia la Notizia, scoop di Omnibus, dimissioni che arrivano, dimissioni che non arrivano, sogni di gloria che si infrangono,  un padre nobile in area di parcheggio in attesa di scendere in campo, purghe staliniane o presunte tali.

La situazione è grave, ma non è seria, direbbe Flaiano.

Sarebbe il Parlamento della Repubblica.

Peccato che sembri il teatro di una pessima pochade.

E’ la classe politica che ci meritiamo? Qualche volta temo di sì. Anche se un attenuante ce l’abbiamo: da qualche anno questi tristi figuri che ci rappresentano siamo costretti a prenderli a scatola chiusa.

E’ la democrazia dei tempi del porcellum. Una democrazia dimezzata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...