Incredibile a Ballarò: in una giornata in cui succede di tutto il problema è ancora la leadership di Veltroni.

veltroni-1Ero contento del ritorno di Ballarò dopo la pausa natalizia.

Pensavo: stasera ci sono tanti argomenti succosi da trattare: il blitz di Maroni sulla tassa agli immigrati,  che in maniera plateale smentisce il premier che si era espresso in maniera diametralmente opposta, la censura di Fini al governo per la scelta della fiducia, l’avvio ufficiale della compagnia privata di bandierina (di cui è stata garantita, a tempo, l’italianità, in attesa di proclamarne, a breve e a spese nostre, la “francesità”).

Insomma, solo a voler toccare i temi di attualità, come dovrebbe fare ogni onesta trasmissione di approfondimento, ce ne era di carne da mettere al fuoco.

Invece di che si parla? Della crisi del partito democratico.

Forse l’esca l’ha fornita il povero Veltroni, presentatosi dopo tanto tempo in trasmissione .

Impossibile, giornalisticamente, non approfittare della sua presenza per fare al segretario alcune domande su quella specie di via crucis che è diventato il suo compito.

Impossibile non commentare con lui il sondaggio shock di Ipsos che attribuisce il 25% al Pd nelle intenzioni di voto ( con il 9,5 a Di Pietro e l’11,5 alla lega, con il Pdl al 38).

Ma che della crisi del Pd si parlasse per tutta la trasmissione, mettendo il povero Veltroni al centro del bersaglio,  proprio non me l’aspettavo.

Veltroni si è difeso bene, ma era allibito.

Ad un certo punto ha anche detto: “Spero che poi parleremo anche dei grossi problemi del paese”.

Pia illusione, il martellamento è durato sino alla fine.

Una nota di chiusura la voglio dedicare all’ineffabile Belpietro, che si spaccia per giornalista libero in ogni occasione, mentre è semplicemente un addetto alle relazioni esterne del Partito Azienda.

Con il suo sorrisetto di superiorità e di compatimento stampato in viso,  l’addetto alle relazioni esterne del Partito Azienda ha cercato di infierire su Veltroni, predicendo la sua inevitabile caduta di qui a qualche mese, quando ci sarà l’inevitabile redde rationem delle elezioni europee.

Mi è piaciuta la risposta di Veltroni, articolata in due punti:

– è vero che c’è un dibattito squassante nel nostro partito  ma come mai non ci si preoccupa delle tensioni interne della maggioranza che oggi esplodono in maniera così devastante?

– preferisco appartenere ad un partito in cui esiste il confronto piuttosto che al partito delle adunate oceaniche in cui parla solo il Capo e non ci si arriva mai a contare nei congressi.

Belpietro, che contende a Mario Giordano la palma di Primo Maggiordomo alla reggia di Arcore ha continuato a sorridere, come avrebbe scritto Hemingway, “con pietà ed ironia”.

Non si fa curare la paresi, ho saputo, perchè la considera uno strumento professionale.

belpietro-giordano

19 risposte a “Incredibile a Ballarò: in una giornata in cui succede di tutto il problema è ancora la leadership di Veltroni.

  1. purtroppo questi sono i giornalisti italiani, questo passa il convento…

  2. Sono soltanto dei lacchè al servizio del nuovo dux che non lasceranno nessuna traccia nella storia del giornalismo italiano, poveracci!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  3. Rispetto le opinioni espresse nel tuo articolo e anche i commenti di chi mi ha preceduto.
    Ma non le condivido.
    Però blog di opinione, come pure le trasmissioni televisive del genere, servono.

    Servono a sviluppare il mio senso critico, quindi ben venga.

    Dopo il confronto si può rimanere della propria idea, ma chi cade negli insulti gratuiti dimostra le sue debolezze.

  4. Comunque conoscendo Belpietro, non doveva essere invitato in trasmissione, o per par conditio doveva esserci anche il direttore dell’Unità

  5. Gli italiani hanno il governo che si meritano, purtroppo siamo un popolo che si lascia trascinare dai proclami (pensate a Mussolini ) per poi tornare indietro quando è troppo tardi.
    Veltroni a Ballarò era bersagliato dal giullare Bel Pietro che non fà il giornalista, evidenzia solo i proclami del Berlusca. Mente sapendo di mentire, si sente superiore a tutto e a tutti, degno allievo del suo Guru.
    Comunque a Veltroni vorrei suggerire di farsi rispettare dai suoi, di non mollare, di alzare la voce quando è necessario. Non possiamo continuare a lasciare l’italia in mano a questi invasati.

  6. i giornalisti di sinistra invwece non sono maggiordomi e nemmeno lacchè e tantomento venduti

  7. Guarda che facce…so i classici volti di chi bastonato da piccolo
    ha trovato nel leccare i piedi le soddisfazioni della vita…

    ….fate schifo…

  8. prima che il nano diventasse il padrone di panorama, ero un accanito lettore di questo settimanale, dopo, piano piano ho cominciati a diradare la lettura di panorama, all’improvviso appena si e insediato, questo cosidetto, giornalista panorama e diventato un’accozzaglia di voltagabbana e lecchini che di giornalisti non sanno neanche cosa vuole dire. Ora, che il sig. delpietro si erga come il saggio della comunicazione, le dico: ma mi faccia il favore con quel sorriso stampato in quella specie di faccia.

  9. giornalisti le leccano i piedi a sua imminenza silvio povera italia

  10. veltroni è solo cloaca come queste notizie

  11. Come potete vedere ho cambiato il mio nome da Maurizio a Maurice non voglio somigliare per nessuna ragione al mondo a quell’essere strisciante chiamato Bel Pietro.

  12. Uno che porta il partito a quelle percentuali è meglio che non parla dei problemi del paese, io avrei parlato di alitalia con un definitivo appello al paese a non viaggiare su aerei che hanno dipendenti e padroni simili, ma di viaggiare su qualsiasi concorrente fino a rovinarli tutti. Questo è interpretare il paese e dire qualcosa con un po’ di palle.

  13. se invece si attacca il nano, mafioso, e se tutti quello che lo hanno votato o sono scemi o complici va bene? poveri disgraziati zombi senza cervello avete trovato quello che vi meritate un opportunista falso ed ambizioso come Veltroni che infatti sta portando quel mondo che vi rappresenta sempre più in basso, dimostrando che gli italiani sono meno scemi di quello che pensate

  14. Per Giulio
    Hai ragione siamo dei disgraziati: non solo abbiamo un premier che è un incubo, non solo ci sono tanti sprovveduti che nemmeno se ne accorgono, ma abbiamo anche un’opposizione che fa acqua da tutte le parti.
    Abbiamo quello che ci meritiamo: un governo che fa gli interessi di pochi e la triste fama ( all’estero) di essere un popolo di sprovveduti e di allocchi .

  15. se invece delle contestazioni che vi sono all’interno del PD il sign.Belpietro avesse escusivamente parlato di quelle che vi sono all’interno del PDL per l’autore dell’ articolo il giornalista in questione sarebbe stato il miglior giornalista non dico dell’Italia,ma addrittura dell’ intero pianeta;ormai siamo abituati che in queste trasmissioni si critichi solamente Berlusconi

  16. Ma poveracci che non siete altro..
    Mettete d’accordo i vostri due neuroni e fatemi capire una cosa: se nella maggioranza ci sono posizioni diverse e quindi esiste un dibattito allora parlate di “tensioni”, accidenti, la maggioranza scricchiola, hanno idee diverse….mentre invece, subito dopo, il caro Veltroni e voi dietro tornate a parlare del partito azienda, del capo incontrastato e gli altri a fare i servi con gli occhi bassi. mah…mi consolo della vostra inconsistenza pensando che perderete minimo per altri 20 anni. Una postilla: ancora con stà storia che chi vota Berlusconi o chi scrive su giornali di centro-destra sarebbe un servo??.
    Fatevene una ragione, credete ancora di essere i migliori e gli illuminati ma è tutto un bluff siete dei lobotomizzati a cui è stato fatto il lavaggio del cervello. Non siete i migliori e non siete neanche tanto intelligenti se credete che invece giornali tipo l’unità o simili siano i campioni della libertà di stampa…Vi credete tanto scaltri mentre l’elettore a voi avverso sarebbe un allocco?. Benissimo, l’importante come si dice è crederci. Vivete tranquilli nelle vostre beate certezze e nel compiacimento della vostra fasulla superiorità intellettuale….direi che gli anni di governo di centro-destra diventano 30….carissimi

  17. Per Frank
    Lobotomizzati? Si chiama così saper leggere i fatti?
    Oppure la tua è una forma di humor ? Se è così, è facile anche capire a chi ti ispiri…che è lo stesso per il quale voti e che ti meriti come premier.

  18. ……adesso direte pure che ballarò è di destra.
    walter certe figuracce se le poteva risparmiare…..ma pur di stare davanti ai media….. ben vengano.. tanto Lui è un’ombra.
    E di giornqlisto lo stesso valter se ne intende visto che lo è diventato a 40 anni grazie all’unità
    un’italiano

  19. Domando a Maurizio Bel Pietro:Mario Giordano è mai stato direttore del Giornale? Se è così,
    a parte Vespa non se ne accorto nessuno… Sarà forse una questione di facciatosta, Che non è fotoigienica,come la sua’ ? Certo lei è il Bel Pietro, colui che gira nei canili e nei canali a portare la buona novella di colui che più conta. Sa come le chiamano dalle mie parti le facce come la sua:”Faacci di ‘mpigna”!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...