Buon viaggio Eluana ( e’ arrivata ad Udine all’alba)

Da Tgcom 3febbraio 2009:

L’ambulanza che trasporta Eluana Englaro, partita da Lecco lunedì all’1 e 30, è arrivata alla casa di cura ‘La Quiete’ di Udine alle 5.54 di stamattina.

Ad accoglierla lo staff medico che dovrà attuare il protocollo del distacco dell’alimentazione forzata, che tiene in vita la donna in coma vegetativo da 17 anni.

Al momento della partenza, fuori dalla clinica lecchese, alcune persone avevano inscenato una protesta.

L’ambulanza che ha trasportato Eluana Englaro a Udine è entrata alla casa di assistenza ‘La Quiete’ per un ingresso secondario.

Per evitare l”assalto’ delle decine di teleoperatori e reporter che da alcune ore sostavano davanti all’ingresso principale della struttura sanitaria, polizia e carabinieri hanno fatto entrare l’ambulanza da un altro accesso.

L’unico mezzo ad entrare nella clinica è stata l’ambulanza: papà Beppino invece, che aveva seguito in macchina da Lecco la figlia, non è giunto a fino a Udine, ma si è fermato a Bergamo.

L’uomo dovrebbe raggiungere la clinica nel pomeriggio di oggi o, più probabilmente, nella giornata di domani. ( fonte Tgcom).

Annunci

Una risposta a “Buon viaggio Eluana ( e’ arrivata ad Udine all’alba)

  1. Evidentemente l’autore e coeerente con se stesso quando dice battetevi per la certezza della pena. infatti la sentenza di condanna a morte per miciacio di Eluana deve essere eseguita essendo essa rea di non essere morta diciassette anni fà nell’incidente.
    Io direi a questo signore sei sicuro, al di là di ogni ragionevole dubbio, che Luana in questo momento non senta niente. I casi di risveglio di altri hanno affermato il contrario.
    Se essa sente qualcosa non pensi che per lei, la sua lunga agonia si parla di settimane, sarebbe atroce.
    io sono d’accordo con la sua affermazione della certezza della pena …….specialmente per la parte del carico dei più deboli. provengo da una famiglia dove si è accudita mia madre malata in stato semivegetativo per più di quarantani a casa dico casa.
    In questo caso non si vuole dare nmmeno agli altri il carico dei più deboli. comunque ogn’uno di noi ne risponderà alla propia coscienza se la si possiede,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...