Dopo la bolla speculativa, adesso ci tocca quella mediatica: cercano di farci credere che la crisi è una crisetta.

berlusca-obama

Cercano di farci vivere in una bolla mediatica.

Mentre gli altri Paesi con i quali normalmente ci confrontiamo
prendono atto della gravità della crisi e avviano iniziative
straordinarie, qui chi ci governa cerca di nasconderci quello che sta accadendo.
Continuano a dirci che siamo un’isola protetta,
che da noi la crisi non avrà le conseguenze che sta avendo altrove,
perchè noi siamo più saggi e abbiamo maggiore attitudine al risparmio e
via cloroformizzando
Il modello comunista è tramontato da un pezzo, ma sta mostrando la corda in maniera impressionate anche il modello liberista:
bisogna ripartire dal disastro di questa situazione in cui speculatori,
imbroglioni e finazieri creativi hanno divorato ricchezza, e cambiare
le regole del gioco.
Il che presuppone la capacità ed il coraggio di voltare pagina e fare autocritica.
Ma mentre leader lucidi, onesti e coraggiosi, come Obama e altri,  prendono atto della ineluttabilità di questa scelta, Berlusconi che fa?
Qualche autocritica sulla depenalizzazione del falso in bilancio?
Qualche idea su come garantire una migliore redistribuzione dei redditi
per garantire una sopravvivenza dignitosa a chi sta perdendo il lavoro?
Niente di niente.
La filosofia è semplicemente quella di Eduardo: “ha da passa’ ‘a nuttata”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...