Una grande poesia diventata una grande canzone

]

Due parole su questa bellissima poesia, musicata e cantatata  da Juan Manuel Serrat , cantautore spagnolo di grande sensibilità.

L’autore della poesia ,”  Nanas de cebolla” ( ninna nanna della cipolla)  si chiama Miguel Hernandez.

miguel_hernandez

Nato nel 1910 a Orihuela in una famiglia di poverissimi pastori, Miguel Hernandez manifesta sin dai primi anni di scuola una  grande passione per la poesia.

Interrotti gli studi per volere del padre che lo vuole pastore, continua a studiare per conto suo, appassionadosi alla lettura dei grandi autori della letteratura spagnola.

Si unisce ad altri giovani e fonda una specie di circolo letterario che si riunisce nei locali di un panificio.

Emigrato a Madrid,  trova lavoro come segretario e redattore di un’enciclopedia.

Comincia a scrivere le sue prime poesie e conosce Pablo Neruda e Federico Garcia Lorca.

Allo scoppio della guerra civile spagnola ,  si arruola con i repubblicani.

josefinaIn piena guerra, riesce a tornare per pochi giorni a Orihuela  per sposare Josefina Manresa

Nel 1938 nasce il suo primo figlio, Manuel Ramón,  che muore da lì a pochi mesi mentre nel  1939 nasce il secondo, Manuel Miguel.

Condannto a morte dal regime franchista, in seguito alla commutazione della pena , viene rinchiuso nel carcere di Palencia, poi in quello di Alicante, in cui muore, a soli 31 anni, di tubercolosi.

poeta_Miguel_HernandezLa poesia “Nanas de cebolla” è dedicata al figlio Manuel Miguel.

Josefina gli aveva scritto in carcere che non avevano altro da mangiare che pane e cipolla ( cebolla) .

Lui risponde con questa toccante poesia, della quale ho cercato di tradurrre con il mio arruginito spagnolo i versi principali.

L’immagine è quella di un bambino che si avventa con forza verso la doppia  luna del seno della madre ( doble luna del pecho).

E quel seno è triste di cipolla ( triste de cebolla) , ma il piccolo è soddisfatto e i 5  dentini che gli sono spuntati sembrano cinque gelsomini, cinque piccole punte  feroci.

josefina2Tristissima la chiusa, è un messaggio a Josefina:  Resisti, non so cosa succede o cosa accade.

Nanas de cebolla

La cebolla es escarcha / La cipolla è gelata
cerrada y pobre./ chiusa e povera
Escarcha de tus díasbrina dei  tuoi giorni
y de mis noches./ e delle mie notti.
Hambre y cebolla/ Fame e cipolla,
hielo negro y escarcha / ghiaccio nero e brina
grande y redonda./ grande  e rotonda.


En la cuna del hambre / Nella culla della fame
mi niño estaba/ mio figlio stava.
Con sangre de cebolla/ Con Sangue di cipolla
se amamantaba / lo si allattava.

Pero tu sangre/ Ma il tuo sangue (era)
escarchada de azúcar / ghiacciato zucchero
cebolla y hambre/ cipolla e  fame.

Tu risa me hace libre,/La tua risata mi rende libero,
me pone alas. /mi mette le ali .
Soledades me quita/ attenua le solitudini,
cárcel me arranca./mi fa scordare il carcere.

Boca que vuela/ Bocca che vola,
corazón que en tus labioscuore nelle labbra
relampaguea. / acceso.

Es tu risa la espada / Il tuo sorriso è la mia spada
más victoriosa/ la più vittoriosa
vencedor de las florescon la quale conquistare fiori
y las alondras/ e allodole.
Rival del sol./ Rivale del sole.
Porvenir de mis huesos / futuro delle mie ossa
y de mi amor/ e del  mio amore.

[…]

Al octavo mes ríes / ridi all’ ottavo mese
con cinco azahares/ con cinque fiori di arancio.
Con cinco diminutas / Con cinque minute
ferocidades/ ferocie
Con cinco dientes / con cinque denti
como cinco jazmines / come cinque gelsomini
adolescentes/ adolescenti.

Frontera de los besosfrontiera di  baci
serán mañana/ sarànno  domani,
cuando en la dentaduraquando nella dentatura
sientas un arma/ ti ritroverai un’arma .

Vuela niño en la doble /vola, bambino verso la doppia
luna del pecho/ luna del seno
él, triste de cebolla/ lui triste di cipolla,
tú satisfecho/ tu soddisfatto

No te derrumbes/ resisti.
No sepas lo que pasa/ Non so cosa succede
ni lo que ocurre/ o ciò che accade.

80593582CA030_Homage_to_RafLa canzone che sentite fa parte di un disco di 10 canzoni, tutte tratte da poesie di Hernandez, uscito nel 1972, quando Francisco Franco era ancora al potere.

Inviso al potere, Juan manuel Serrat fu anche costretto a lasciare la Spagna per un anno nel 1975.

Non ha mai conosciuto Hernandez, essendo nato nel 1943, un anno dopo la sua morte.

Una risposta a “Una grande poesia diventata una grande canzone

  1. bellissima…. mi piacerebbe trovare le altre poesie/canzoni del disco- FULVIA

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...