Archivi tag: impronte

Razzismo ? Attenzione, ognuno di noi è il rom di qualcun altro..

Razzismo è valutare una persona non in base alle sue caratteristiche e comportamenti personali, ma per l’appartenenza ad un gruppo etnico.

Generalmente su questo gruppo etnico circolano degli stereotipi che per comodità o, appunto, per razzismo, ci piace automaticamente attribuire ad ogni persona di quel gruppo etnico.

ebreo.jpg

Sei ebreo? Niente di più facile che tu sia avido.

arabo.jpg

Mussulmano? Difficile che l’11 settembre susciti in te lo stesso orrore che suscita in me, probabile anzi che tu quel giorno, sotto sotto, abbia goduto.

rom01.thumbnail.jpg

Sei rom? Ti avranno sicuramente abituato a rubare fin da piccolo….e non solo portafogli, confessa che di tanto in tanto ti piacerebbe rubare qualche bambino.

Fin qui il gioco è facile.

Ma continuiamo…

Sei napoletano? In fondo la monnezza per le strade è anche colpa tua, sennò non si spiega perchè c’è solo da voi..

coppola.thumbnail.gif

Siciliano? Calabrese? Campano? Pugliese? Omertoso .anche se sei uno che si fa solo gli affari suoi, confessalo che dovendo scegliere tra lo Stato e quelli là, messo alle strette, sceglierai sempre quelli là.

Sei romano? Ma allora sei uno di quei pressapochisti che arrivano con tre quarti d’ora di ritardo ad ogni appuntamento!

borghezio.thumbnail.jpg

Voti Lega? Sei uno xenofobo.

Voti rifondazione? Faresti di tutto per tutelare i clandestini e quelli dei centri sociali che occupano le case e fanno gli espropri nei centri commerciali.

Voi, Voi, Voi, Voi ebrei, voi comunisti, voi negri, voi leghisti, voi mussulmani, voi zingari….sempre voi.

Certo, ragionare e definire le regole di comportamento delle persone partendo dall’apparteneza ad un gruppo etnico è comodo, facile, quasi riposante.

Soprattutto pratico.

Dispensa dal fare analisi più complete e più radicali, quelle alle quali avremmo diritto tutti in qualità di esseri umani singoli e diversificati.

Sono sicuro che la pensano così molti di quei meridionali, ormai in pensione da tempo, che cinquant’anni approdarono nelle grandi città del Nord in cerca di lavoro e che si amareggiavano leggendo i cartelli “Non si affitta ai terroni”.

Fossero vivi, la penserebbero così anche i loro antenati, quelli della generazione che cercava fortuna in America, quelli che venivano bloccati in massa per settimane ad Ellis island prima di ricevere il permesso di entrare in America, per essere sottoposti a severissimi test attraverso i quali,con approccio che è difficile non chiamare eugenetico, si cercava di capire chi era in grado di adattarsi al nuovo mondo e al suo nuovissimo modello di produzione fordistico ( consiglio a tutti di vedersi il bellissimo film di Crialese “Nuovomondo”,v. foto)

nuovo%20mondo.jpg

Insomma, a guardar bene, ognuno è ( o è stato) il rom di qualcun altro….

Impronte ai rom: razzismo, cos’altro?

Il razzismo non è un teorema, è una cosa concreta.

Ed è facile da dimostrare, non si scappa, non ci sono dubbi o alternative.

Se tu prendi le impronte ai ladri, siano italiani o rom, fai una cosa corretta.

Se tu prendi le impronte solo ai rom, discrimini non sulla base di un reato, ma attribuendo la propensione a commetterlo a chi appartiene ad una certa etnia.

Quindi fai un ragionamento di razza ( etnos) . Sei razzista, non si sfugge.

Poi lo puoi chiamare censimento, invece che schedatura, non cambia assolutamente nulla.

E’ sempre una prassi razzista, in quanto basata esclusivamente su una discriminazione di razza.

Diverso sarebbe dire che si prendono le impronte a tutti i minori che commettono reati ( a quel punto anche se il 100% di loro fossero rom per come è stata impostata e realizzata la cosa non avremmo una prassi razzista, cioè basata sul colore della pelle o della provenienza, ma sui comportamenti espressi).

Si otterrebbe un risultato migliore sul tema della sicurezza inasprendo le pene per i reati di maggiore allarme sociale, dando maggiori risorse alla magistratura e alle forze dell’ordine, smettendo di farneticare sulle leggi bloccaprocessi, che altro non sono che amnistie mascherate.

Il fatto è che chi ha vinto le elezioni le ha vinte anche ( e in buona parte) promettendo di impegnarsi di più sulla sicurezza.

E questo nessuno lo discute.

Ma tra i correttivi che propongo io, sicuramente più efficaci, ma meno appariscenti, e la schedatura dei rom, sicuramente razzista, se si conosce l’uso e l’etimologia delle parole, prevale la seconda semplicemente perchè FA PIU’ SCENA.

E non escludo che porti consensi, in un paese sempre meno abituato a ragionare e sempre più disponibile a farsi condizionare dalla spettacolarizzazione della politica.

Il fatto è che questo governo


1)non vuole toccare la spesa pubblica ( perchè ha molti elettori che campano di sprechi)

2)non ha il coraggio di togliere ai ricchi ( nonostante tutte le prese di fondelli di Tremonti sulle Robin Tax)

E allora cosa può offrire ai ceti deboli, delusi nelle loro aspettative per quanto riguarda carovita e lavoro ( le prime due preoccupazioni secondo un sondaggio)???

Una risposta scenografica sulla sicurezza.