Patetico discorsetto in tv:Emilio Fede dopo la multa la suo tg fa la vittima, ha imparato da Silvio l’arte del Chiagni & FOTTI.

emilio fedeNon c’è niente di più rivoltante di coloro che commettono un abuso e, sorpresi con la mano nel barattolo della marmellata si atteggiano a vittime di un’ingiustizia.

Ecco come il Direttore di un telegiornale abusivo, l’Emilio Fede che si ostina a dichiararsi giornalista  invece di accettare serenamente il suo ruolo di star della comicità demenziale, commenta l’ordine ricevuto dall’autorita di garanzia delle telecomunicazioni, che gli ha contestato il mancato rispetto della par condicio prevista nel periodo elettorale:

PAR CONDICIO. La bilancia che vedete alle mie spalle, nella edizione e nella informazione, rappresenta la legge che ci obbliga a dare spazio agli esponenti di tutti i partiti e movimenti, impegnati in campagna elettorale. In violazione della quale, saremmo condannati a pagare ammende di centinaia di milioni di vecchie lire. Personalmente, ma non vorrei essere il solo, la definisco UN BAVAGLIO della informazione. Che nulla toglie naturalmente al rispetto degli elettori, del mondo politico, del Parlamento. Ma c’è un esempio fra i tanti. Chiamati a riequilibrare – NOI DEL TG4 – la par condicio, non possiamo far sentire la voce di tutti quelli che fanno parte del governo. Sia il presidente del Consiglio, siano i ministri. O a vario titolo, i componenti del governo. C’è stato un CDM. Riferiremo solo le decisioni assunte, senza poter far sentire la voce del presidente del Consiglio né dei ministri.”

Miserabile sceneggiata che si ripete puntualmente ogni volta.

Non ci sono parole per definire l’arroganza di questo piccolo servo della telecrazia.

N. B. L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) ha stangato il Tg4 di Emilio Fede, con l’accusa di non aver garantito un’accettabile equidistanza in fatto di visibilità concessa ai politici durante la campagna elettorale per l’elezione dei membri del Parlamento Europeo . La multa erogata ammonta a 180.000 euro.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...